Ultimate magazine theme for WordPress.
La Rosminiana

La Rosminiana

Gli “Scritti autobiografici. Diari” in Edizione Nazionale e Critica

Relazione di Padre Ludovico Maria Gadaleta - XXIII Corso dei Simposi Rosminiani: Rosmini e l’Italia. Storia, cultura, religione - Stresa 21-25 agosto 2023

È il volume che offre la chiave interpretativa di tutta l’edizione critica e allo stesso tempo spalanca la porta che conduce nel mondo di Rosmini. Un mondo che non è solo il mondo delle sue opere, ma anzitutto quello della sua persona e della sua personalità, attraverso la quale, come una lente, noi vediamo la produzione, sia libraria, sia teoretica, sia di opere e di fondazioni, fra cui in primis quella dell’Istituto della Carità. Gli “Scritti autobiografici. Diari” è la conclusione dell’Edizione Nazionale e Critica delle opere di Antonio Rosmini, dopo circa cinquant’anni di lavoro.Relazione di Padre Ludovico Maria Gadaleta - XXIII Corso dei Simposi Rosminiani: Rosmini e l’Italia. Storia,…

Rebora e Manzoni: due poeti lombardi a Stresa

Seconda giornata Reboriana - Interventi della prof.ssa Elisa Manni e del poeta Guido Oldani - Stresa 4 novembre 2023

Il Centro Internazionale di Studi Rosminiani di Stresa ha reso omaggio a Rebora e a Manzoni con gli interventi di Elisa Manni, studiosa di Rebora e di Guido Oldani, ideatore del movimento del Realismo Terminale. La relazione della prof.ssa Manni contiene i risultati degli studi che ha compiuto a partire da due testi conservati presso l’Archivio Storico dell’Istituto della Carità: un piccolo quadernetto scolastico fittamente annotato da Clemente Rebora con citazioni tratte dai I promessi sposi e considerazioni personali su di essi e una copia del romanzo manzoniano appartenuta al poeta-sacerdote e da Questi postillata. La presentazione degli appunti reboriani su I promessi sposi, che…

Il compimento dell’Edizione Nazionale e Critica delle opere di Antonio Rosmini

Relazione del Prof. Samuele Francesco Tadini - XXIII Corso dei Simposi Rosminiani: Rosmini e l’Italia. Storia, cultura, religione - Stresa 21-25 agosto 2023

Il prof. Tadini, in qualità di Segretario del Comitato Direttivo dell'Edizione Nazionale e Critica delle Opere edite ed inedite di Antonio Rosmini, presenta il compimento di questa impresa iniziata nel 1975 e conclusasi nel 2022. Passando in rassegna i momenti più significativi, che storicamente hanno segnato la storia della collezione delle opere rosminiane, egli presenta il progetto originario del filosofo roveretano, la complessa vicenda della realizzazione dell'Edizione Nazionale, che non ebbe compimento, sino a giungere alla conclusione dell'attuale Edizione Nazionale e Critica, punto di riferimento ineludibile per tutti gli studiosi del pensiero rosminiano.Relazione del Prof. Samuele…

Ontologie semantiche e ontologie sintattiche nel rapporto tra filosofia e teologia

Relazione del Prof. Giulio Maspero - XXII Corso dei Simposi Rosminiani: Antonio Rosmini e le ontologie contemporanee - Stresa 23-26 agosto 2022

La Teosofia di Rosmini è teologia o filosofia? La proposta del sacerdote di Rovereto è essenzialmente ontologico trinitaria. In questo caso occorre chiedersi se l’ontologia trinitaria è filosofia o teologia, entrando in un campo altrettanto complesso. La tesi qui avanzata è quella di rileggere la questione dell’ontologia trinitaria alla luce di una distinzione tra ontologie semantiche e ontologie sintattiche. È importante premettere che l’ontologia trinitaria è qui intesa non solo come ontologia della Trinità, ma anche come ontologia dalla Trinità, cioè considerazione dell’essere del mondo creato alla luce che promana dalla rivelazione trinitaria. Ne scaturisce un cambio di prospettiva nel…

La riabilitazione della metafisica nell’ontologia analitica più recente

Relazione del Prof. Paolo Valore - XXII Corso dei Simposi Rosminiani: Antonio Rosmini e le ontologie contemporanee - Stresa 23-26 agosto 2022

Mostrare come il tentativo riduzionista di eliminare la metafisica sia fallito. Si tratta di un esito particolarmente intrigante, se si pensa che la premessa da cui è scaturito è stata l’eliminazione della metafisica e la trasformazione dell’ontologia in una teoria formale della categorizzazione delle entità, senza più alcuna considerazione metafisica. Per realizzare questo lavoro di categorizzazione occorre selezionare le proprietà significative che possano guidare al corretto rinvenimento dei giusti generi di cose per costruire un inventario categoriale del mondo. Di fronte alle alternative e alle scelte che queste impongono, è necessario farsi carico della responsabilità nel momento della…

Il Tomismo wittgensteiniano tra prospettive storiche e suggestioni teoretiche

Relazione del Prof. Marco Damonte - XXII Corso dei Simposi Rosminiani: Antonio Rosmini e le ontologie contemporanee - Stresa 23-26 agosto 2022

L’espressione tomismo wittgensteiniano è stata coniata da Roger Pouivet alla fine degli anni Novanta del secolo scorso. Il filosofo francese la utilizza per definire quella che ritiene una corrente filosofica originale. Sorgono alcune domande essenziali: il tomismo wittgensteiniano è capace di fornire un’interpretazione originale di Wittgenstein? È in grado di offrire una chiave di lettura originale di Tommaso? Quali criteri storiografici utilizza? In che modo può contribuire al progresso della filosofia? Dalle risposte risulta che l’espressione tomismo wittgensteiniano non è dunque una mera etichetta di comodo, ma il modo più opportuno per indicare una prospettiva sia storiografica, sia…

Il soggetto e l’assoluto. Il confronto metafisico di Rosmini con l’idealismo tedesco

Relazione del Prof. Markus Krienke - XXII Corso dei Simposi Rosminiani: Antonio Rosmini e le ontologie contemporanee - Stresa 23-26 agosto 2022

Una sfida complessa che va al nocciolo delle questioni fondamentali quella tra Rosmini e l’idealismo tedesco. Come fare un discorso razionale sull’assoluto? Come porre il rapporto io-assoluto? Come fondare il rapporto finito-infinito? Come affrontare la questione dell’essere? Come considerare epistemologicamente la rivelazione e cosa significa per il sapere metafisco stesso? Rosmini pone una metafisica in chiave ontologica attraverso cui le tre forme dell’essere sono il modo per pensare l’assoluto e la molteplicità della realtà.Relazione della Prof. Markus Krienke - XXII Corso dei Simposi Rosminiani: Antonio Rosmini e le ontologie contemporanee - Stresa 23-26 agosto 2022Relazione della Prof.…

Ontologia si dice in molti modi: Husserl, Stein e Rosmini a confronto

Relazione della Prof.ssa Angela Ales Bello - XXII Corso dei Simposi Rosminiani: Antonio Rosmini e le ontologie contemporanee - Stresa 23-26 agosto 2022

Il tema dell’ontologia nel mondo contemporaneo è un tema assolutamente presente. La ricerca di Rosmini e dei fenomenologi tedeschi prende avvio dall'essere umano e dell’essere umano s’intende cogliere la struttura essenziale. Sia Rosmini, sia Husserl, sotto la cui guida Edith Stein si è formata, sostengono che per conoscere l’essere umano lo strumento efficace è una “scienza rigorosa”. Il loro linguaggio risulta diverso, ma i risultati delle argomentazioni rivelano sorprendenti affinità.Relazione della Prof.ssa Angela Ales Bello - XXII Corso dei Simposi Rosminiani: Antonio Rosmini e le ontologie contemporanee - Stresa 23-26 agosto 2022Relazione della Prof.ssa Angela Ales Bello - XXII Corso…

Dio come Essere, Dio senza Essere, Dio oltre l’Essere. L’urgenza teologica di “de-nominare” Dio

Relazione del Prof. Giuseppe Lorizio - XXII Corso dei Simposi Rosminiani: Antonio Rosmini e le ontologie contemporanee - Stresa 23-26 agosto 2022

È proprio il riferimento cristologico e trinitario a consentire il superamento della formula catechistica in cui Dio si identifica con «l’Essere perfettissimo, creatore e signore del cielo e della terra», determinando l’urgenza di rinominare l’Eterno, non solo alla luce dell’atto di essere, ma soprattutto in quella dell’actus amandi. Non si tratta infatti di “pensare Dio senza essere”, secondo la formula di Jean-Luc Marion, ma di adorarlo oltre l’essere, attingendo e sperimentando la sua stessa essenza, che è l’amore agapico. L’urgenza di denominare Dio assume a questo punto la forma di un rinominarLo, che alla luce dell’atto di essere, si può esprimere nel nesso fra ontologia e teologia…