Ultimate magazine theme for WordPress.

Felicità e cultura dell’anima

XII Corso dei Simposi Rosminiani - Stresa 24-27 agosto 2011 - Videoregistrazione completa

Quale nesso esiste tra la felicità dell’uomo con l’equilibrio interiore, l’impegno educativo, l’invecchiare, lo sviluppo economico e la fede cristiana? Questa domanda ha attraversato la XII edizione dei Simposi Rosminiani, organizzata dal Centro Internazionale di Studi Rosminiani di Stresa con la partecipazione del Servizio Nazionale per il Progetto Culturale della Conferenza Episcopale Italiana. Al colle Rosmini, di Stresa, i diversi relatori, intervenuti al convegno, hanno sottolineato che in un tempo definito “post-moderno” in cui prevale il benessere economico, si logora la felicità con il rischio di perdere il bene più grande. In gioco, infatti, c’è la cura di sé e la vita interiore della persona. Il Simposio ha così approfondito inizialmente la relazione tra la felicità e il tema dell’educazione a cui è seguito l’analisi della vita interiore e l’edificazione del sé. Uno sguardo più attento, ha portato l’attenzione a considerare la felicità come criterio per valutare il livello di benessere della popolazione e come capacità di vivere il tempo personale, soprattutto quello dell’invecchiamento. Il convegno ha studiato, inoltre, le differenze storiche tra benessere, appagamento e felicità secondo Socrate, Platone e Aristotele e la felicità necessaria nella morale stoica. Il contributo fondamentale è stato dato dall’approfondimento della felicità in Antonio Rosmini e dalla relazione tra la felicità e l’amore di Dio. Il Simposio si è concluso presentando l’impegno da parte del Rosmini Institute di inserire nel circuito delle idee contemporanee un nuovo canone metafisico sulla linea della “quarta fase” degli studi rosminiani. La fruibilità di tale canone è perseguita privilegiando la webtv e gli strumenti digitali. Infine, durante le giornate di studio, sono stati presentati gli scritti “Sulla felicità” di Rosmini e il volume del prof. Luciano Malusa “Antonio Rosmini per l’unità d’Italia”.

Articoli correlati